Pubblicazioni

La tossina è sicura, per Fda, se usata alle dosi approvate

La tossina è sicura, per Fda,se usata alle dosi approvate

(ANSA) – Roma, 12 set – La Food and drug administration (Fda), l’ente di controllo sui farmaci negli Stati Uniti, ha autorizzato l’impiego del botox anche per spianare le ‘zampe di gallina’, le rughe che circondano gli occhi. Fino ad oggi, infatti, ai medici era concesso l’uso solo per le rughe cosidette ‘glabellari’, ovvero i solchi fra le sopracciglia e la fronte. “Le più comuni reazioni avverse dovute alla tossina”, ricorda l’ente americano, “sono edemi che compaiono in modo temporaneo nell’area in cui viene iniettato. Più rari i sintomi tipici del botulismo, incluse le difficoltà a deglutire e respiratorie che mettono a rischio la sopravvivenza”.

“Comunque”, precisa l’Fda, “non si registrano effetti avversi gravi nei casi in cui la tossina viene iniettata alle dosi per cui è autorizzata”. La nuova concessione si somma così alle precedenti, la prima risalente al 2002, si legge nella nota dell’Fda. Il farmaco, di proprietà dell’Allergan, è già stato approvato per il trattamento dell’emicrania cronica, nei casi di sudorazione abbondante sotto le ascelle, blefarospasmo (spasmi delle palpebre) e strabismo. (ANSA). YWA/S04 QBKN

Download

la tossina botulinica di tipo a nella terapia dell’emicrania: analisi critica

INTRODUZIONE. La tossina botulinica di tipo A, una neurotossina, è stata studiata in numerosi trials come una nuova terapia preventiva per l’emicrania. In questa review vengono illustrati e discussi i possibili meccanismi d’azione della tossina, nonché i risultati dei trials randomizzati e con controlli placebo finora effettuati a scopo preventivo.
MECCANISMO D’AZIONE. Il meccanismo d’azione della tossina botulinica nell’emicrania non è finora chiaro. Si sa che inibisce il rilascio di acetilcolina a livello della giunzione neuromuscolare, ma probabilmente questo meccanismo non è sufficiente a spiegare le proprietà antinocicettive osservate in diversi trials clinici e preclinici. E’ stata finora ipotizzata una inibizione al rilascio di neurotrasmettitori correlati alla nocicezione, quali la sostanza P, il CGRP e il glutammato.
METODI. Vengono descritti i punti di iniezione finora più ampiamente usati della tossina botulinica, che sono nei muscoli cervicali, temporali e frontali. Ampia variabilità vi è stata negli studi finora effettuati anche riguardo i dosaggi (tra 50 e 200 U) e la frequenza delle sedute, in media comunque una ogni 3-4 mesi, nonostante alcuni tentativi di standardizzazione.
RISULTATI. I dati finora raccolti sembrano favorevoli all’ipotesi di una sua effettiva efficacia nel ridurre i giorni di cefalea nei pazienti con emicrania cronica, cioè con almeno 15 giorni al mese di cefalea, con almeno 8 di questi di tipo emicranico. Il suo uso sembra anche sufficientemente sicuro e privo di effetti collaterali gravi. In pochi casi vengono lamentati infatti dolori al collo (0,6 %), debolezza muscolare (0,4 %), cefalea (0,4 %) .
CONCLUSIONI. La tossina botulinica di tipo A non sembra efficace nel prevenire l’emicrania episodica, mentre sembra essere efficace nell’emicrania cronica, con trials randomizzati e controllati in doppio cieco. In particolare, sembra indicata in pazienti che non sopportano o non rispondono alle tradizionali terapie profilattiche orali.

COMMENTO. Questa review rappresenta un primo interessante studio che analizza i risultati sull’emicrania di una terapia nuova e promettente, le iniezioni nei muscoli cefalici della tossina botulinica di tipo A. Il suo uso, al di là dei costi che rimangono alti, sembra dischiudere nuovi favorevoli orizzonti terapeutici anche al di fuori dei ristretti ambiti universitari e ospedalieri che ne hanno finora limitato l’utilizzo.

Robertson CE, Garza I. Critical analysis of the use of onabotulinumtoxinA (botulinum toxin type A) in migraine. Neuropsychiatr Dis Treat 2012; 8: 35-48

A cura di: Paolo Barbagli fonte 

The zygomaticotemporal branch of the trigeminal nerve: an anatomical study.

Totonchi A, Pashmini N, Guyuron B.
The zygomaticotemporal branch of the trigeminal nerve: an anatomical study.
Plast Reconstr Surg 2005; 115: 273-277

Treatment of ptosis as a complication of botulinum toxin injection.

Omoigui S, Sunday I.
Treatment of ptosis as a complication of botulinum toxin injection.
Pain Med 2005; 6: 149-151

The anatomy of the greater occipital nerve: implications for the etiology of migraine headaches.

Mosser SW, Guyuron B, Janis JE, Rohrich RJ.
The anatomy of the greater occipital nerve: implications for the etiology of migraine headaches.
Plast Reconstr Surg 2004; 113: 693-697

Peripheral and central sensitization during migraine.

Malick A, Burstein R.
Peripheral and central sensitization during migraine.
Funct Neurol 2000; 15: 28-35

Migraine genetics: an update.

Haan J, Kors EE, Vanmolkot RJ, Maagdenberg A, Frants RR, Ferrari MD.
Migraine genetics: an update.
Curr Pain Headache Rep 2005; 9: 213-220

Comprehensive surgical treatment of migraine headaches.

Guyuron B, Kriegler JS, Davis J, Amini SB.
Comprehensive surgical treatment of migraine headaches.
Plast Reconstr Surg 2005; 115:1-9

Botulinum toxin A and migraine surgery.

Guyuron B, Tucker T, Kriegler JS.
Botulinum toxin A and migraine surgery.
Plast Reconstr Surg 2003; 112: 171S-173S

Surgical treatment of migraine headaches.

Guyuron B, Tucker T, Davis J.
Surgical treatment of migraine headaches.
Plast Reconstr Surg 2002; 109: 2183-2189